DENTISTA.NAME


FORMAZIONE SULL'ESTETICA DEL SORRISO

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

L'o­dontoiatra, oggi, non deve occuparsi solo del lato tecnico della dentatura, ma anche dell'estetica del sorriso. E il dentista si può considerare come il "medico del sorriso" con tutti i risvolti sociali che questo comporta. E tra obbligo di sorriso e paura del dentista, dopo il meeting del New York University College di Venezia e il congresso degli Amici di Brugg a Rimini, più recentemente ad Alessandria si è sno­dato un seminario one-day. E‘ stato un incontro dagli esiti inattesi: all'Hotel Diamante erano attesi per un confronto medici di famiglia, specialisti, psicologi e dentisti. Si prospettava una riunione come tan­te e invece il meeting ha richiamato più di duecento parte­cipanti, un'affluenza sorprendente per una location in pro­vincia e per un'iniziativa organizzata da un'associazione pic­cola, la Beldent, ancorché supportata da ordine e sindacati.

Il titolo originario era "I quattro lati del viso": la relazio­ne dello psicologo trattava sulle questioni legate alla paura del dentista; quella del protesista i risvolti psicologici di dentature difettose e i miglioramenti che possono concre­tamente risolvere disagi sociali; il chirurgo spiegava i punti comuni fra odontoiatria ed estetica del viso; il parodontolo- go descriveva come minimizzare l'entità degli interventi.

E, accanto agli odontoiatri, sono arrivati anche medici di famiglia e di ogni branca specialistica. «L'odontoiatria - spiega Marco Bellanda, presidente di Beldent oggi è una disciplina che coniuga efficienza e possibilità, e le sue frontiere sono aperte alla collaborazione con tutte le discipline mediche. Il nostro intento era analizzare come cambia la prestazione odontoiatrica con il mutare e il crescere del ri­lievo sociale del sorriso, tanto di chi soffre di patologie odontoiàtriche, quanto di chi invecchia; tanto di chi ha biso­gno di restauri quanto di chi chiede interventi estetici. Al progetto hanno collaborato l'Associazione nazionale dentisti italiani e il sindacato prin­cipale dei medici di fami­glia, la Fimmg, con la sua società scientifica Simg e abbiamo potuto contare ov­viamente anche sull'appog­gio dell'ordine provinciale dei medici e degli odontoia­tri. Eppure tutto questo ri­scontro di pubblico non ce lo aspettavamo».