DENTISTA.NAME


L'OSTEOMA CENTRALE DELLA MANDIBOLA (LA CHIRURGIA)

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

Il consenso informato alla procedura chirurgica è stato firmato dal paziente e si è quindi proceduto alla preparazione chirurgica. All’uomo sono stati prescritti tre sciacqui giornalieri da 1 minuto con collutorio alla clorexidina 0,12% nei due giorni precedenti l’intervento.
Previa induzione della narcosi, è stata eseguita un’anestesia plessica in zona 4.7-4.8 con una tubofiala di mepivacaina al 2% con vasocostrittore 1:50.000 al fine di ottenere un valido controllo dell’emostasi durante le procedure chirurgiche. Previa incisione crestale a tutto spessore, con scarico mesiale al 4.7, è stata scheletrizzata la zona dell’intervento. Si è quindi proceduto, mediante <a href="http://www.odontoiatra.it/public/dettaglio.php?id=986&tipologia=tecniche">chirurgia piezoelettrica</a>, all’osteoplastica necessaria a isolare la lesione e successivamente è stata realizzata l’osteotomia della lesione così da poterne eseguire l’enucleazione nel modo più conservativo possibile. Asportata la massa neoplastica si è provveduto a farne l’esame istologico, che in un secondo tempo ha confermato la diagnosi di osteoma. È stata quindi eseguita la revisione
della cavità residua ed è stata posizionata una sutura in seta 2-0 a punti staccati. Il paziente è rimasto ricoverato fi no al giorno successivo e al momento della dimissione gli sono state date le istruzioni domiciliari: naprossene sodico, 550 mg in compresse, 2 volte/die per 6 giorni e sciacqui dell’area dell’intervento con collutorio alla <a href="http://www.odontoiatra.it/public/dettaglio.php?id=1131&tipologia=tecniche">clorexidina</a> 0,12% per 6 giorni.