DENTISTA.NAME


L'ANALISI DELLA ARTICOLAZIONE TEMPORO-MANDIBOLARE

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

Con la CBCT è possibile analizzare l’anatomia del condilo mandibolare, la sua posizione nella fossa glenoidea, la corticale ossea e la midollare sottostante Molteplici alterazioni dell’articolazione temporo-mandibolare sono difficilmente visualizzabili con la radiologia convenzionale e quindi necessitano di approfondimenti diagnostici quali la CBCT. Per l’analisi del disco articolare, dei legamenti e delle fibre muscolari, l’esame di elezione resta sempre la Risonanza Magnetica Nucleare (RMN). Le alterazioni patologiche riscontrabili in CBCT per il cui sospetto ne è indicata la richiesta sono Rimodellamenti - Il rimodellamento può interessare il condilo, l’eminenza articolare o entrambi. Si identifica con un appiattimento delle superfi ci articolari che può essere accompagnato da sclerosi con aumento di densità ossea. Osteoartriti o Artriti degenerative - Sono le condizioni patologiche dell’articolazione temporomandibolare più frequenti. Le alterazioni riscontrabili in questi casi sono superfici corticali irregolari, osteofi ti, formazioni cistiche subcondrali, riassorbimenti della testa del condilo e riduzione dello spazio articolare. Artriti infi ammatorie - Sono un gruppo eterogeneo di disordini sistemici che si manifestano con una
severa infiammazione della membrana sinoviale in diverse articolazioni. Fanno parte di questo gruppo di patologie l’artrite reumatoide, l’artrite giovanile idiopatica, l’artrite psoriasica, la spondilite anchilosante e la sindrome di Reiter. Degenerazione interna - È definita come una posizione anormale della relazione tra condilo disco ed eminenza articolare. Il disco non è visibile in CBCT ma il dislocamento del condilo dalla posizione di Relazione Centrica a una posizione posteriore nella fossa suggeriscono una degenerazione interna. Fratture condilari - Solitamente le fratture condilari si verificano a livello del collo del condilo e sono accompagnate da dislocazione della testa del condilo. Le fratture condilari sono classificate in base alla sede in “intracapsulari” ed
“extracapsulari”, in base alla tipologia in “dislocate” e “non dislocate” e in base alla direzione di frattura in verticali, orizzontali o sagittali. Anchilosi.  L’anchilosi è l’unione ossea o fibrosa dei due capi articolari può essere causata da traumi, artrite reumatoide o infezioni. Crescita anormale del condilo. In caso di asimmetria scheletrica facciale può essere causata da ipoplasia o iperplasia condilare, o condilo bifido.  Iperplasia del processo coronoide. Può essere un reperto occasionale asintomatico in cui si verifica una ridotta apertura della bocca. Tumori benigni. I tumori benigni che possono interessare l’articolazione temporo-mandibolare sono osteomi, osteocondromi e osteoblastomi. Tumori maligni. I tumori maligni sono un reperto raro e sono rappresentati da osteosarcomi e condrosarcomi.