DENTISTA.NAME


LE DIMENSIONI VERTICALI NELL'ANALISI CEFALOMETRICA 3D

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

Continuiamo ad approfondire la tematica dell’<a href="http://www.odontoiatra.it/public/dettaglio.php?id_cat=15&tipologia=tecniche&id=1917&categoria=RADIOLOGIA">analisi cefalometrica 3D</a>.
Si è proceduto alla suddivisione del cranio con tre piani:
• piano facciale superiore (SFP) passante per N (Nasion);
• piano della spina nasale anteriore (piano SNA);
• piano mentale (piano Me) .
Sono state calcolate le misure lineari:
• N-Sna: distanza dal punto Nasion (N) alla spina nasale anteriore (Sna)
• Sna-Me: distanza dal punto spina nasale anteriore (Sna) al punto Menton (Me)
• N-Me: distanza dal punto Nasion (N) al punto Menton (Me).
 I valori di riferimento sono nell’uomo 116 ± 6 mm e nella donna 106 ± 6 mm. I valori norma sono quelli medi riportati in letteratura secondo dati antropometrici. Il rapporto tra la distanza N-Sna e Sna-Me è mediamente di 1:1. 
Valori maggiori di Sna-Me rispetto a N-Sna indicano la presenza di long-face (dolicofacciale), ossia il terzo inferiore risulta più lungo rispetto al terzo medio del viso. 
Al contrario, valori inferiori di Sna-Me rispetto a N-Sna indicano presenza di short-face (brachifacciale), ossia il terzo inferiore del viso risulta più corto rispetto al terzo medio. I soggetti long-face possono essere associati a morso aperto anteriore o a normocclusione; i soggetti short-face possono presentare morso coperto o normocclusione. 
Al fine di giungere ad un’<a href="http://www.odontoiatra.it/public/dettaglio.php?id_cat=15&tipologia=tecniche&id=1917&categoria=RADIOLOGIA">analisi cefalometrica 3D</a>, Si è proceduto alla costruzione di un piano di riferimento denominato anterior vertical plane passante per N e il punto subnasale. 
Si è calcolata la distanza lineare tra il punto A e l’anterior vertical plane per la valutazione spaziale sagittale antero-posteriore della mascella. 
Si considera valore norma una distanza di 0 ± 3 mm: valori superiori a 3 mm indicano una prognazia mascellare; valori inferiori a 3 mm indicano retrognazia mascellare . 
Si è calcolata la distanza tra il punto pogonion duro e l’anterior vertical plane per la valutazione sagittale antero-posteriore della mandibola. 
Si considera valore norma una distanza di 0 ± 3 mm: valori superiori a 3 mm indicano una prognazia mandibolare; valori inferiori a –3 mm indicano retrognazia mandibolare.
• piano passante per il punto all’apice dell’angolo solido sul bordo posteriore del processo zigomatico dell’osso zigomatico di destra e di sinistra (JR e JL) e perpendicolare al piano coronale;
• piano occlusale: piano passante per i punti molari destri e sinistri e per un punto incisale superiore;
• piano passante per il punto goniaco destro e punto goniaco sinistro (GoR e GoL).
Vengono confrontate le altezze verticali destra e sinistra rispetto a piani passanti per punti definiti valutando casi e indici di simmetria fra i lati destro e sinistro. 
Si è preso come indice di asimmetria un  valore che superasse 4 mm di discrepanza fra un lato e il suo controlaterale.