DENTISTA.NAME


LA TERAPIA ANTIBIOTICA LOCALE NELLA PERIMPLANTITE (PROCEDURE)

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

La terapia antibiotica locale nella perimplantite (procedure)

In questo articolo analizzeremo le varie procedure della terapia antibiotica locale nella perimplantite

 Terapia perimplantite – Criteri di inclusione

Pazienti senza malattie sistemiche; pazienti non trattati in precedenza con chirurgia nelle lesioni perimplantari; pazienti con siti perimplantari sanguinanti e/o con suppurazione e con riassorbimento osseo perimplantare evidenziato con esame radiografico; pazienti che non abbiano fatto uso di antibiotici negli ultimi tre mesi; pazienti che abbiano assunto farmaci antinfiammatori, collutori o dentifrici medicati da almeno sei settimane.

Terapia della perimplantite - Criteri di esclusione.

Pazienti con malattie sistemiche; pazienti con allergia agli antimicrobici usati; pazienti in gravidanza e/o allattamento; condizioni che richiedono una profilassi antibiotica prima dell’esecuzione di trattamenti dentali. Procedura Reclutamento dei pazienti con diagnosi di perimplantite; basale: registrazione dei parametri clinici (PD, BOP) suppurazione, indice di placca, morfologia dei tessuti molli perimplantari, radiografia, esame microbiologico; levigatura del difetto per scompaginare il biofilm, lavaggio con soluzione fisiologica e, nel gruppo test, applicazione di antibiotico locale); tre mesi: registrazione dei parametri, radiografia di controllo, esame microbiologico.

Terapia della perimplantite - Chiusura dello studio.

Analisi statistica Per la profondità di sondaggio, le differenze tra i dati rilevati ai due tempi di osservazione (basale e tre mesi) entro ciascun gruppo sono state valutate mediante il t-test per dati appaiati, mentre per le differenze tra gruppi a ciascun tempo di osservazione si è utilizzato il t-test per dati indipendenti.

 Per confrontare i dati entro gruppi e tra gruppi dell’indice di placca, dell’indice di sanguinamento e dell’indagine microbiologica sono stati usati il test del chi-quadro di Pearson e il test di Fisher. Per la soglia di significatività` è stato adottato il valore di probabilità p=0,05. Gli autori dichiarano che lo studio presentato è  stato realizzato in accordo con gli standard etici stabiliti nella Dichiarazione di Helsinki e che il consenso informato è  stato ottenuto da tutti i partecipanti prima del loro arruolamento allo studio.