DENTISTA.NAME


LA LOW-LEVEL LASER THERAPY NELLA MEDICINA ORALE

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

Nell'articolo di oggi vi parleremo di quei casi clinici e di studi, controllati in singolo e in doppio cieco riportano effetti positivi conseguenti all’applicazione di protocolli Low-Level Laser Therapy (LLLT)nelle stomatiti aftose ricorrenti clinicamente identificabili con forme minori: i protocolli pubblicati utilizzano generalmente laser a diodi nell’ambito del visibile e del vicino infrarosso, con differenti modalità di erogazione ma sempre al di sotto di 10 J/cm2 per seduta. Gli effetti delle laserterapie eseguite sono valutabili in termini clinici con una riduzione dei tempi medi di guarigione e, in qualche caso, anche con una diminuita ricorrenza; dal punto di vista sintomatologico vengono riferite una riduzione del dolore alla scala analogico-visiva (Visual Analogue Scale, VAS) e minori difficoltà durante l’alimentazione, la fonazione e lo spazzolamento. Le infezioni erpatiche. L’applicazione di protocolli Low-Level Laser Therapy (LLLT) alle manifestazioni orali delle infezioni erpetiche e in particolare alle recidive di herpes labiale (Herpes simplex virus 1) è giustificata dall’accelerata guarigione delle ferite con contestuale riduzione del dolore, entrambi fattori chiave nelle recidive labiali che risultano spesso dolorose e soggette a processi di guarigione lenti.
A questi aspetti va associata l’azione di stimolo della risposta immunitaria del paziente, riportata per la Low-Level Laser Therapy (LLLT). Uleriori test randomizzati e controllati presenti oggi in letteratura e prevalentemente basati sull’utilizzo di laser a diodi nello spettro del visibile o del vicino infrarosso, l’applicazione viene realizzata per punti, con dosaggi inferiori a 10 J/cm2 e nelle differenti fasi, dai prodromi alla lesione crostosa. I risultati descritti sono positivi sia per la riduzione della sintomatologia dolorosa e dei tempi di guarigione con miglior comfort per il paziente anche da un punto di vista estetico  sia per la minore ricorrenza di queste manifestazioni: la spiegazione di tali risultati è ipoteticamente correlabile agli effetti di modulazione del sistema immunitario. Il ricorso alla Low-Level Laser Therapy (LLLT) appare proficuo nella gestione delle infezioni erpetiche grazie non solo alla completa assenza di effetti collaterali, ma anche agli indubbi vantaggi che ne derivano tra cui la minore somministrazione di terapie farmacologiche, la riduzione dei costi, l’inibizione dei meccanismi di resistenza virali con tutte le dovute implicazioni cliniche specialmente nei pazienti immunocompromessi.
Risultati incoraggianti sono riportati per questo tipo di approccio nei trattamenti preventivi delle recidive erpetiche in soggetti che ne soffrano in modo ricorrente.