DENTISTA.NAME


APPROCCIO MATEMATICO IN ENDODONZIA (PARTE SECONDA)

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

Il principio di questo ragionamento puo essere paragonato metaforicamente a quello che si applica a un conto corrente
di cui si conoscono, a fine anno, il versamento iniziale e il saldo e per il quale si vuole conoscere il tasso d’interesse. Una volta che sia noto il tasso d’interesse, si potrebbe calcolare la resa finale di qualunque altra somma futura investita sullo stesso conto e con le stesse condizioni. A rigor di logica, conoscendo il saldo del
conto corrente a fine anno e il tasso di sconto applicato, e possibile, con un semplice calcolo, risalire alla somma iniziale
investita. I diversi elementi che subiscono in uguale misura un effetto radiografico possono essere paragonati ad altrettanti conti corrente soggetti allo stesso tasso d’interesse. Traducendo in una formula il rapporto tra la lunghezza di uno strumento canalare inserito e la lunghezza della sua proiezione, il risultato sara identico al rapporto
tra la lunghezza reale del dente o del canale o dei canali e le loro lunghezze proiettate sulla radiografia. E questa la chiave della procedura, che si ripresenta ogni volta che si osserva un’endorale;
essa si traduce in uno dei principi piu elementari della matematica, appunto quello della proporzione, che consiste nell’uguaglianza fra due rapporti, e si esprime nella formula: x : y = c : d. In questo caso; x e l’incognita. Potrebbe essere la lunghezza reale del canale o dei
canali o di qualunque altra struttura anatomica presente nella radiografia endorale; y e la lunghezza di x proiettata sulla radiografia. La si misura appena eseguita l’endorale, manualmente o elettronicamente; c e la lunghezza reale dello strumento inserito nel canale radicolare durante l’esecuzione della radiografia
endorale; d e la lunghezza dello strumento
canalare proiettata sulla radiografia,
che viene misurata una volta eseguita
la lastra.
La formula si legge cosı: x sta a y come c
sta a d. La soluzione della proporzione si ricava in questo modo: x = c x y/d. Questo specifico studio presentato e stato realizzato in accordo con gli standard etici stabiliti e che il consenso informato e stato ottenuto da tutti i partecipanti prima del loro arruolamento allo studio.